Analisi e Diagnosi Energetica per la Pubblica Amministrazione

COS’È

La diagnosi energetica per gli edifici pubblici, riporta il consumo reale dell’edificio in condizioni di esercizio al fine di consentire una corretta gestione energetica attraverso un uso razionale dell’energia.

L’art. 13 del D.Lgs 115/2008 prevede l’obbligo di diagnosi energetiche per gli edifici pubblici o ad uso pubblico in caso di:

  • interventi di ristrutturazione e sostituzione degli impianti termici esistenti
  • installazione di nuovi impianti termici
  • ristrutturazioni edilizie che riguardino almeno il 15% della superficie esterna dell’involucro edilizio che racchiude il volume lordo riscaldato;
analisi_diagnosi1

COME

La diagnosi energetica si effettua indicando quale sia il progetto migliore da realizzare per l’edificio pubblico, attenendosi rigorosamente alla normativa tecnica vigente. L’obiettivo del legislatore è quello di evitare costi energetici elevati che possano gravare sui bilanci delle Pubbliche Amministrazioni.
Per l’effettuazione della Diagnosi Energetica, in base all’All.2 del D. L. n 102/2014 e s.m.i., le figure specializzate ed accreditate sono:

  • EGE, riferimento norma UNI CEI 11339 e già oggetto di certificazione attraverso organismi accreditati secondo la norma internazionale ISO/IEC 17024;
  • Auditor energetico – AE, certificati ai sensi della norma UNI CEI 16247, parte 5;
  • ESCo (Energy Service Company), certificate ai sensi della norma UNI CEI 11352:2014.

La nostra azienda si è qualificata come ESCo cominciando ad operare nell’ambito dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE o Certificati Bianchi).


VANTAGGI

Enea ha pubblicato delle Linee Guida, in attuazione dell’art 16 del DM 16 settembre 2016, che illustrano i criteri generali e le indicazioni operative per la predisposizione e la presentazione delle proposte progettuali finalizzate all’ottimizzazione energetica.
Seguire le linee guida del programma di riqualificazione energetica della Pubblica Amministrazione centrale (PREPAC), permette di efficientare almeno il 3% annuo della superficie utile del patrimonio edilizio dello Stato.


SCARICA L’APPROFONDIMENTO SULL’ANALISI E DIAGNOSI ENERGETICA PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

SCARICA